Il modulo di energia permette di misurare fino a 3 potenze di motore trifase per modulo.

Il modulo di energia è composto da:

  • 3 volte 3 ingressi per trasformatori di corrente
  • 3 ingressi per la tensione della rete 400 V
  • 1 ingresso per un sensore di bassa pressione 4-20 mA
  • 1 entrée pour un capteur basse pression 4-20 mA
  • 1 bus RS485 Modbus per la comunicazione con un GTC
  • 1 insieme di ponti per l’indirizzamento
  • 1 secondo bus per la comunicazione con il DNI

 

Il modulo può essere parametrizzato dal DNI ed è possibile installare diversi moduli, ad esempio, per misurare la potenza consumata da 5 compressori e dai ventilatori del condensatore. Abbiamo preferito questo metodo all’approccio approssimativo mediante calcolo polinomiale delle potenze dei compressori, che non permette di tener conto delle variazioni di potenza dovute allo scarico dei cilindri, al variatore di velocità o agli impianti con compressori a vite. Con questo modulo, possiamo tener conto dei consumi dei ventilatori del condensatore, nonché della potenza consumata dalle pompe nei sistemi indiretti. Il sensore di bassa pressione 4-20 mA, insieme alla sonda termica PT100, permettono di misurare il surriscaldamento dei compressori e di calcolare l’entalpia in aspirazione. Avete capito bene! Basta collegare un debimetro a ultrasuoni* per conoscere il flusso di massa dell’impianto e il DNI calcolerà la potenza frigorifera istantanea nonché il COP reale. Tutti questi valori sono direttamente accessibili da un quadro sullo schermo del DNI, in cui potremo visualizzare la lettura delle potenze attive nonché di quelle reattive o apparenti. Da Sentinelle è possibile generare un grafico delle potenze (assorbite/frigorifere) con la temperatura esterna e integrando il COP reale.

CONDIZIONAMENTO :
Prima di effettuare un condizionamento, è possibile installare un DNI con uno o due moduli di energia e un debimetro per poter memorizzare le potenze e i COP. Dopo il condizionamento, da Sentinelle sarà facile confrontare il COP dei due fluidi grazie alla base di dati relazionali. Così saremo in grado, per esempio, di tracciare i COP tra i 15oC e i 20oC di temperatura esterna per entrambi i refrigeranti.

 

* Disponibile all’inizio del 2016

Installare un DNI equivale a MISURARE, MONITORARE e RIDURRE le proprie emissioni dirette (le perdite) e indirette, diminuendo così i consumi energetici.